Home

Attenzione al nomadismo

Attenzione al nomadismo

CONTENUTO DEL MODULO

Quest'ultimo modulo espone i pericoli del nomadismo: mix di sfera professionale e personale, oggetti collegati, supporti rimovibili...

OBIETTIVI PEDAGOGICI

  • Imparare a separare il professionista dal personale

  • Creare sessioni diverse per ogni uso e utente

  • Attenzione agli oggetti collegati

La maggior parte degli oggetti che colleghiamo a un computer presenta un rischio per la sicurezza.

Una mente malintenzionata può facilmente installare spyware per infiltrarsi in un sistema. Chiavi USB, smartphone, sigarette elettroniche possono ospitare questi malwares che aspettano pazientemente di entrare in azione. Dovete essere molto vigili con questo tipo di hardware e assolutamente vietare le chiavi trovate per terra, prestate da terzi o regalate.

Se utilizzate queste chiavi per memorizzare dati personali o riservati, privati o professionali, correte il rischio di farli spiare e rubare a distanza. Collegare un dispositivo di origine sconosciuta al computer è molto rischioso perché può creare una porta di accesso ai dati in esso contenuti.

Allo stesso modo, siate consapevoli del fatto che la memorizzazione dei dati su una chiavetta di memoria USB può essere pericolosa in caso di furto, perdita o prestito. Anche se cancellati, questi dati potrebbero essere comunque recuperabili.

Prendiamoci anche il tempo di parlare della separazione degli usi.

Oggi il confine tra la vita privata e la vita professionale si confonde, il che pone problemi di sicurezza. Il computer, infatti, viaggia sempre più spesso dal lavoro a casa, dove tutta la famiglia può usarlo.

Si consiglia di creare diversi account utente, ognuno con diritti ben impostati, una password forte e diversa, a seconda degli usi. È importante separare anche la messaggistica professionale da quella privata. L'idea è quella di separare il più possibile la vita privata da quella professionale, a vantaggio di tutti.

In un ambiente professionale, se avete l'autorizzazione a farlo, preferite creare un account utente personale per proteggere la vostra privacy sul lavoro. Tendiamo a mescolare gli usi per facilitare la vita, ma questo per sottovalutare i pericoli a cui sono esposti i dati personali, come un collega un po' troppo curioso.